Archivio delle News

03-09-2013 - NELLA G.U. N. 61 DEL 2-8-2013 E' STATO PUBBLICATO AVVISO PUBBLICO DI MOBILITA', PER COMPLESSIVI 296 POSTI, RISERVATO AI DIPENDENTI A TEMPO INDETERMINATO, APPARTENENTI ALLE AREE FUNZIONALI I II III , DEL COMPARTO MINISTERI. E' una procedura straordinaria di mobilità esterna volta a colmare le gravi carenze di organico in cui versano gli uffici giudiziari.

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA


DIPARTIMENTO DELL’ORGANIZZAZIONE GIUDIZIARIA,


DEL PERSONALE E DEI SERVIZI


 


NELLA G.U. N. 61 DEL 2-8-2013 ( IV serie speciale, concorsi ed esami )E' STATO PUBBLICATO


 


Avviso pubblico di mobilità, per complessivi 296 posti, riservato


ai dipendenti a tempo indeterminato, appartenenti


alle aree funzionali I, II e III, del comparto Ministeri.


 


Il Ministero della Giustizia, Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi, Direzione Generale del personale e della formazione, rende noto di aver pubblicato sul proprio sito internet www.giustizia.it, in data 2 agosto 2013, un avviso di mobilità, per complessivi 296 posti, riservato ai dipendenti a tempo indeterminato, appartenenti alle aree funzionali I, II e III, del comparto Ministeri.


 


NELL'ELENCO DEI POSTI DISPONIBILI SONO PREVISTI PER LA PROCURA GENERALE PRESSO LA SEZIONE DISTACCATA DI CORTE D'APPELLO DI SASSARI:


N. 1 CONTABILE AREA II


N. 1 FUNZIONARIO CONTABILE AREA III



La procedura è gestita dalla Direzione Generale del Personale e della Formazione del Ministero della Giustizia.


Il testo del bando è consultabile sul sito internet del Ministero della Giustizia al seguente indirizzo: http://www.giustizia.it/giustizia/it/mg_1_8_1.wp?previsiousPage=mg_1_6_1&contentId=SDC942266


Domanda e termini


Saranno prese in considerazione le domande trasmesse, con una delle modalità di seguito indicate, entro il termine di 60 giorni decorrenti dalla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica, IV serie speciale, concorsi ed esami, dell’avviso riguardante la presente procedura.


La domanda, debitamente compilata e firmata, dovrà essere indirizzata al Ministero della Giustizia, Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria, del personale e dei servizi, Direzione Generale del Personale e della Formazione, Ufficio III Concorsi ed Assunzioni, Via Arenula 70, 00186 Roma, ed inviata per posta, con raccomandata A/R, o via fax al n. 0668892802 o dalla propria casella di posta elettronica ordinaria all’indirizzo uff3concorsi.dgpersonale.dog@giustizia.it; o dalla propria casella di posta elettronica certificata all’indirizzo: mobilitapersonale.dog@giustiziacert.it; negli ultimi due casi, la domanda firmata dovrà, unitamente agli allegati ed a fotocopia del documento di riconoscimento, essere scansionata in formato pdf (il file deve essere unico: domanda, fotocopia del documento ed allegati) ed inviata in allegato dalla propria casella di posta elettronica all’indirizzo indicato.


Non si terrà conto delle domande trasmesse fuori termine, né di quelle prive della sottoscrizione dell’aspirante.


Gli interessati devono indicare cognome, nome, data e luogo di nascita, il codice fiscale, i recapiti presso cui desiderano le comunicazioni inerenti alla procedura di cui trattasi, l’Amministrazione di appartenenza, la denominazione dell’Ufficio e della sede di servizio con i relativi recapiti, l’area, la fascia economica, il profilo professionale di attuale inquadramento e la sede, l’ufficio, il profilo e l’area corrispondente per la quale si intende concorrere.


Devono, altresì, rendere noti eventuali contenziosi amministrativi e giudiziari in corso in materia di inquadramento, procedimenti disciplinari e sanzioni disciplinari comminate negli ultimi due anni.


L’amministrazione si riserva di valutare le predette circostanze prima di procedere all’immissione nei ruoli.


Non possono partecipare alla presente procedura coloro che abbiano riportato condanne penali o che abbiano in corso procedimenti penali ovvero procedimenti per l’applicazione di misure di sicurezza o di prevenzione o precedenti giudiziari tra quelli iscrivibili nel casellario giudiziario ai sensi del D.P.R. 14 novembre 2002, n, 313 e coloro che siano a conoscenza di essere sottoposti ad indagini preliminari.